Portafoglio Invest

Gain:

Portafoglio Pulse

Gain:

REA Learn Copy

Gain:

Aiuto:

Strumenti Rapidi

Strumenti Rapidi

Weekly Forecast: La settimana che ci attende dal 18 al 22 Dicembre

Weekly Forecast: La settimana che ci attende dal 18 al 22 Dicembre

La differenza tra successo e fallimento nel trading Forex/CFD dipende molto probabilmente da quali asset scegli di negoziare ogni settimana e in quale direzione, e non dai metodi che potresti utilizzare per determinare le entrate e le uscite delle negoziazioni.

All’inizio della settimana, è una buona idea guardare al quadro generale di ciò che si sta sviluppando nel mercato nel suo complesso e di come tali sviluppi sono influenzati dai fondamentali macro, fattori tecnici e sentimento del mercato.

Analisi fondamentale e sentimento del mercato

La scorsa settimana si è assistito a un rinnovato sentimento di avversione al rischio nel mercato dopo che i dati sull’inflazione statunitense sono risultati leggermente inferiori alle attese, a un tasso annualizzato del 3,1%, mentre il giorno successivo la Federal Reserve ha telegrafato un programma più accomodante di tagli dei tassi, che il consenso del mercato ora prevede di iniziare a marzo anziché a maggio 2024. Ciò ha fatto scendere il dollaro USA mentre gli indici azionari statunitensi sono saliti alle stelle.

La scorsa settimana ci sono stati molti altri importanti rilasci delle banche centrali e altri importanti dati:

  1. L’indice PPI statunitense si è attestato a zero, come previsto.
  2. Vendite al dettaglio negli Stati Uniti – notevolmente più forti del previsto, indicando un’economia statunitense vivace.
  3. Tasso ufficiale della Banca d’Inghilterra e sintesi della politica monetaria: i tassi sono rimasti invariati come previsto, la Banca ha avvertito che “c’è molta strada da fare” sull’inflazione.
  4. Tasso politico della BNS e dichiarazione di politica monetaria: i tassi sono rimasti invariati come previsto, la Banca ha messo in guardia sull’inflazione.
  5. PIL del Regno Unito: risultato peggiore del previsto, con una contrazione mensile dell’economia dello 0,3%.
  6. PIL della Nuova Zelanda: è stato notevolmente peggiore del previsto, mostrando una contrazione mensile dell’economia dello 0,3%.
  7. Produzione flash negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Germania e in Francia. Servizi – i dati sono stati contrastanti ma migliori negli USA e complessivamente migliori nel settore dei servizi.
  8. Richieste di disoccupazione negli Stati Uniti: leggermente migliori del previsto.
  9. Indice manifatturiero dell’Empire State statunitense – notevolmente peggiore del previsto.
  10. Variazione del conteggio dei richiedenti nel Regno Unito (richieste di disoccupazione): leggermente migliore del previsto.
  11. Produzione industriale cinese – peggiore del previsto

La settimana a venire: 18 Novembre  –  22 Dicembre

La prossima settimana vedrà probabilmente nei mercati un livello notevolmente inferiore di volatilità, poiché ci saranno meno rilasci di dati molto importanti, anche se ci saranno dichiarazioni da parte della Banca del Giappone e della Reserve Bank of Australia. I dati chiave rilasciati questa settimana sono, in ordine di importanza:

  1. Indice dei prezzi PCE core negli Stati Uniti
  2. PIL finale degli Stati Uniti
  3. Fiducia dei consumatori della CB statunitense
  4. Conferenza stampa della Banca del Giappone
  5. IPC del Regno Unito (inflazione)
  6. IPC canadese (inflazione)
  7. PIL canadese
  8. Verbali della riunione di politica monetaria della Reserve Bank of Australia
  9. Richieste di disoccupazione negli Stati Uniti
  10. Rivisto il sentiment dei consumatori dell’unità di misura degli Stati Uniti
  11. Vendite al dettaglio nel Regno Unito

ANALISI TECNICA

Indice del Dollaro USA

La scorsa settimana l’indice del dollaro statunitense ha stampato una candela engulfing ribassista settimanale di grandi dimensioni, sebbene abbia chiuso in qualche modo al di sotto del suo minimo. La chiusura settimanale era in ribasso rispetto al prezzo di 3 e 6 mesi fa, presentando ancora una volta una tendenza ribassista a lungo termine. Tuttavia, i ribassisti dovrebbero essere più cauti cauti.

D’altro canto, i ribassisti sono sostenuti dall’inflazione statunitense inferiore alle attese e dai segnali più accomodanti da parte della Fed riguardo ai tagli dei tassi in arrivo prima piuttosto che dopo.

USD/JPY

La coppia di valute USD/JPY ha nuovamente compiuto un forte movimento al ribasso la scorsa settimana, con lo yen giapponese che è stato il più forte tra tutte le principali valute durante la settimana. Questo è il quinto calo settimanale consecutivo e il movimento della scorsa settimana è stato il più forte di questi. Il prezzo è ora in un trend al ribasso di 3 mesi ed è molto vicino anche a un trend al ribasso di 6 mesi, suggerendo che i trader di trend potrebbero iniziare a pensare di essere coinvolti qui sul lato short.

Lo yen è molto forte in questo momento mentre la Banca del Giappone inizia a segnalare che sarà in grado e disposta ad abbandonare la sua politica monetaria ultra-espansiva nel corso del 2024, presupponendo che i salari aumentino come previsto. Tuttavia, queste aspettative sono state mitigate da ulteriori osservazioni da parte dell’establishment monetario giapponese. La conferenza stampa della Banca del Giappone di lunedì sarà attentamente osservata per eventuali commenti riguardanti il ​​momento in cui si potrebbe ritenere che le pressioni inflazionistiche siano sufficientemente aumentate da abbandonare finalmente la politica monetaria ultra-conviviale durata anni presso la Banca del Giappone.

Lo Yen ha molte direzioni e volatilità, quindi sarà interessante per i trader la prossima settimana, in particolare per i trader giornalieri.

EUR/USD

La coppia di valute EUR/USD ha stampato una candela debolmente rialzista nel corso della settimana, ma ha ceduto gran parte dei suoi guadagni all’inizio della settimana. L’Euro non sta ancora mostrando molta forza relativa, nonostante la rinnovata debolezza del Dollaro USA.

Ciò che risalta davvero nel grafico dei prezzi giornalieri è il doppio massimo che ora sembra aver stampato una resistenza molto importante a $ 1,1008. Questo è molto confluente con l’enorme numero tondo a $ 1,1000 ed è probabilmente difeso da grandi opzioni, quindi è sicuramente un livello che vale la pena guardare.

Potrebbe non accadere questa settimana, ma se vediamo una chiusura giornaliera fortemente rialzista sopra $ 1,1008 che sembra aver decisamente rotto questo livello di resistenza, un’entrata Long potrebbe avere senso.

Indica NASDAQ 100

L’indice NASDAQ 100 ha stampato la settima candela rialzista consecutiva, aumentando con forza fino a raggiungere la chiusura settimanale più alta degli ultimi 2 anni e raggiungendo un nuovo massimo a medio termine. Abbiamo un forte mercato rialzista per le azioni statunitensi e l’indice NASDAQ 100 è stato storicamente un ottimo investimento durante i mercati rialzisti.

La scorsa settimana i titoli azionari statunitensi hanno registrato un forte vantaggio grazie ai dati sull’inflazione statunitense inferiori alle attese e all’orientamento accomodante della Fed, che hanno portato il mercato ad aspettarsi che i tagli dei tassi inizino a marzo 2024.

Futures Cacao

I futures del cacao hanno registrato un forte trend rialzista per oltre un anno, anche se la settimana scorsa si è assistito ad un debole ritracciamento ribassista. Il grafico dei prezzi qui sotto applica l’analisi di regressione lineare alle ultime 64 settimane e mostra graficamente quale grande opportunità sia stata questa sul lato Long.

La candela settimanale era di nuovo rialzista. Era un bar interno.

Ora che abbiamo assistito a un pullback, potrebbe essere il momento migliore per entrare in una nuova operazione Long, nonostante l’azione dei prezzi si trovi al di sopra della banda superiore del canale di regressione lineare. Questa forte tendenza non mostra alcun segno di arresto della domanda globale in continua crescita del cacao superfood.

Negli ultimi anni, fare trading long su materie prime in caso di superamento di nuovi massimi di 6 mesi è stata una strategia molto redditizia.

Credit by DailyForex.com

Calcolatore Lotto Commerciale

Calcolatore Leva e Margine

Calcolatore Drawdown

Calcolatore Interesse Composto

Calcolatore Valore Pips in Euro

Calendario Economico