Portafoglio Invest

Gain:

Portafoglio Pulse

Gain:

REA Learn Copy

Gain:

Aiuto:

Strumenti Rapidi

Weekly Forecast: La settimana che ci attende: 2 – 6 Ottobre

Weekly Forecast: La settimana che ci attende: 2 – 6 Ottobre

È molto probabile che la differenza tra successo e fallimento nel trading Forex/CFD dipenda principalmente da quali asset scegli di negoziare ogni settimana e in quale direzione, e non dai metodi esatti che potresti utilizzare per determinare le entrate e le uscite delle negoziazioni.

Pertanto, all’inizio della settimana, è una buona idea guardare al quadro generale di ciò che si sta sviluppando nel mercato nel suo insieme e di come tali sviluppi siano influenzati dai fondamentali macro , dai fattori tecnici e dal sentiment del mercato.

Analisi fondamentale e sentimento del mercato

Nell’ultima settimana, la propensione al rischio è rimasta amara, e la ragione principale di ciò è l’incontro politico della Fed di due settimane fa, che ha prodotto una “mantenimento da falco”. Sebbene la Fed abbia lasciato i tassi invariati come previsto, ora prevede di aumentare nuovamente i tassi dello 0,25% più avanti nel 2023 , il che significa che il tasso terminale dell’attuale ciclo di stretta non è ancora stato raggiunto.

La scorsa settimana è stata piuttosto leggera in termini di importanti rilasci di dati, con gli eventi principali che sono stati l’indice dei prezzi PCE core degli Stati Uniti, esaminato per trovare indizi sull’inflazione, e il PIL finale, che è una valutazione della crescita economica. Il PCE si è attestato leggermente al di sotto delle attese, il che potrebbe rappresentare un segnale positivo per quanto riguarda l’inflazione. Anche il PIL finale è stato leggermente inferiore al previsto.

Gli altri dati chiave rilasciati la scorsa settimana sono stati:

  1. Fiducia dei consumatori delle banche centrali statunitensi: leggermente peggiore del previsto.
  2. CPI australiano (inflazione): un tasso annualizzato del 5,2%, esattamente come previsto.
  3. Richieste di sussidio di disoccupazione negli Stati Uniti – leggermente migliori del previsto.
  4. PIL canadese – leggermente peggiore del previsto.
  5. Sentimento dei consumatori dell’unità di misura rivista negli Stati Uniti: leggermente migliore del previsto.
  6. Dati IFO sul clima economico tedesco: leggermente migliori del previsto.
  7. PMI manifatturiero cinese – come previsto.

Non ci sono state vere sorprese.

La settimana a venire: 2 – 6 ottobre

La prossima settimana nei mercati vedrà probabilmente un basso livello di volatilità rispetto alla scorsa settimana, poiché sono previsti pochi rilasci di dati ad alto impatto, anche se potremmo vedere un’azione considerevole nell’AUD e nel NZD poiché sono previsti rilasci delle banche centrali riguardanti ciascuno di essi. di loro. I dati chiave rilasciati questa settimana sono, in ordine di importanza:

  1. Variazione dell’occupazione non agricola negli Stati Uniti, retribuzione oraria media e tasso di disoccupazione
  2. Offerte di lavoro JOLTS negli Stati Uniti
  3. Estratto conto del tasso RBA e tasso di cassa
  4. Estratto conto del tasso RBNZ e tasso di cassa ufficiale
  5. CPI svizzero (inflazione)
  6. PMI servizi ISM statunitense
  7. PMI manifatturiero ISM statunitense
  8. Richieste di disoccupazione negli Stati Uniti
  9. Tasso di disoccupazione canadese e variazione dell’occupazione

È un lunedì festivo in Australia, Canada e Cina. Il martedì è un giorno festivo in Cina e Germania. Il resto della settimana è un giorno festivo in Cina.

Credit by DailyForex.com

Calcolatore Lotto Commerciale

Calcolatore Leva e Margine

Calcolatore Drawdown

Calcolatore Interesse Composto

Calcolatore Valore Pips in Euro

Calendario Economico