Portafoglio Invest

Gain: 

Portafoglio Pulse

Gain: 

REA Learn Copy

Gain: 

Aiuto:

Strumenti Rapidi

Strumenti Rapidi

Weekly Forecast: La settimana che ci attende dal 17 al 21 giugno

Weekly Forecast: La settimana che ci attende dal 17 al 21 giugno

Analisi fondamentale e sentimento del mercato

L’elemento chiave della scorsa settimana sono stati i dati sull’IPC statunitense inferiori alle attese, che sono inaspettatamente scesi da un tasso annualizzato del 3,4% al 3,3% dopo che i dati mese su mese non hanno mostrato alcuna inflazione. Ciò è stato rapidamente seguito da un incontro politico presso la Federal Reserve americana, che ha adottato un tono più cauto sull’inflazione e sui tagli dei tassi, lasciando i mercati ancora in attesa di un solo taglio dei tassi nel 2024, probabilmente in occasione della riunione della Fed di settembre. La Fed ha lasciato i tassi invariati come previsto quasi universalmente. Il dollaro USA ha riguadagnato gran parte del terreno perso in seguito al calo dei dati CPI seguito al messaggio della Fed, ma i principali indici del mercato azionario statunitense hanno continuato a salire fino a raggiungere nuovi massimi record per il resto della scorsa settimana.

Un altro evento chiave della scorsa settimana è stata la convocazione a sorpresa delle elezioni generali in Francia dopo la vittoria dell’estrema destra alle elezioni del Parlamento europeo. Si tratta di una scommessa enorme da parte del presidente Macron che ha poco da perdere senza una maggioranza nel parlamento francese, poiché i sondaggi suggeriscono che probabilmente porterà l’estrema destra al potere in Francia per la prima volta dal 1944. Sebbene il principale partito di estrema destra non sia più favorevole all’uscita dall’Unione Europea, l’Euro ha perso terreno la scorsa settimana a causa di questo sviluppo politico, e continua a sembrare debole.

La Banca del Giappone ha tenuto una riunione politica in cui ha dichiarato che avrebbe iniziato a ridurre le operazioni di acquisto di obbligazioni, ma non prima del mese prossimo, cosa che ha causato un leggero indebolimento dello yen. Il tasso di policy è rimasto invariato come previsto allo 0,10%.

Altri importanti rilasci di dati la scorsa settimana sono stati:

  • L’IPP statunitense è risultato significativamente inferiore alle attese, mostrando un calo mensile dello 0,2% quando ci si aspettava un aumento dello 0,1%. Questo è un forte indizio del fatto che l’inflazione negli Stati Uniti sta davvero diminuendo.
  • PIL del Regno Unito – esattamente come previsto.
  • Sentimento dei consumatori UoM preliminare degli Stati Uniti – peggiore del previsto, come si è verificato ultimamente nei dati sui consumatori statunitensi.
  • Richieste di disoccupazione negli Stati Uniti – leggermente peggiori del previsto.
  • Cambiamento nel conteggio dei richiedenti nel Regno Unito: peggiore del previsto.
  • Tasso di disoccupazione australiano: esattamente come previsto.

 

La settimana che ci attende: 17-21 Giugno

L’elemento più importante della prossima settimana sarà la pubblicazione dei dati sull’IPC del Regno Unito, che dovrebbero mostrare un calo dell’inflazione annualizzata dal 2,2% al 2,0%, raggiungendo infine l’obiettivo della Banca d’Inghilterra. Questa settimana si terranno anche riunioni delle banche centrali presso la Banca d’Inghilterra, la Banca nazionale svizzera e la Reserve Bank of Australia. Si prevede che nessuna di queste tre banche centrali apporterà alcuna modifica ai propri tassi di interesse.

Altri importanti rilasci di dati previsti questa settimana sono:

  • Vendite al dettaglio negli Stati Uniti
  • PMI Flash servizi e manifatturiero statunitense, tedesco, britannico e francese
  • Indice manifatturiero dell’Empire State americano
  • PIL della Nuova Zelanda
  • Vendite al dettaglio nel Regno Unito
  • Richieste di disoccupazione negli Stati Uniti

Il mercoledì è un giorno festivo negli Stati Uniti.

 

Credit by DailyForex.com

Calcolatore Lotto Commerciale

Calcolatore Leva e Margine

Calcolatore Drawdown

Calcolatore Interesse Composto

Calcolatore Valore Pips in Euro

Calendario Economico