Portafoglio Invest

Gain:

Portafoglio Pulse

Gain:

REA Learn Copy

Gain:

Aiuto:

Strumenti Rapidi

Weekly Forecast: La settimana che ci attende: 6 – 10 Novembre

Weekly Forecast: La settimana che ci attende: 6 – 10 Novembre

È molto probabile che la differenza tra successo e fallimento nel trading Forex/CFD dipenda principalmente da quali asset scegli di negoziare ogni settimana e in quale direzione, e non dai metodi esatti che potresti utilizzare per determinare le entrate e le uscite delle negoziazioni.

Pertanto, all’inizio della settimana, è una buona idea guardare al quadro generale di ciò che si sta sviluppando nel mercato nel suo insieme e di come tali sviluppi siano influenzati dai fondamentali  macro , dai fattori tecnici e dal sentiment del mercato.

Analisi fondamentale e sentimento del mercato

La scorsa settimana si è assistito a un netto cambiamento nella propensione al rischio, guidato principalmente dalla  dichiarazione del FOMC che di fatto escludeva ulteriori rialzi dei tassi nel 2023 . Anche il fatto che la guerra in Medio Oriente non si sia ampliata ha contribuito alla propensione al rischio. Il dollaro USA è crollato pesantemente contro tutte le principali valute in seguito al comunicato della Fed di mercoledì e i mercati azionari sono saliti fortemente, con alcuni dei principali indici statunitensi che hanno segnato un nuovo massimo di 2 anni. Anche i rendimenti dei titoli del Tesoro USA sono scesi fortemente, con anche il rendimento a 2 anni che ha chiuso la settimana ben al di sotto del 5%, portando a ipotizzare che potremmo aver appena assistito a un’importante svolta nel mercato. La Fed ha lasciato il tasso invariato al 5,50%, il che non è stata una sorpresa, dato che i mercati avevano scontato una probabilità del 97% che ciò accadesse.

La scorsa settimana è stata molto impegnativa in termini di pubblicazione di importanti dati, con i salari non agricoli statunitensi più deboli del previsto, il tasso di disoccupazione in leggero aumento contrariamente alle aspettative e la retribuzione oraria media in aumento più lentamente del previsto. Ciò aggiunge più peso alla pausa del rialzo dei tassi da parte della Fed e, paradossalmente, probabilmente contribuisce a rilanciare i mercati azionari statunitensi.

Gli altri eventi importanti della scorsa settimana sono stati gli incontri politici presso la Banca del Giappone e la Banca d’Inghilterra. Non ci sono state grandi sorprese presso la Banca d’Inghilterra, ma  la Banca del Giappone ha apportato una modifica minore del previsto al controllo della curva dei rendimenti , che ha fatto crollare lo yen per circa un giorno.

Gli altri dati chiave rilasciati la scorsa settimana sono stati:

  1. JOLTS Job Openings negli Stati Uniti: si è verificato un po’ più forte del previsto.
  2. Dati preliminari tedeschi sull’IPC (inflazione): sono arrivati ​​a zero, inferiori alle attese, dando ulteriore credito all’idea che le pressioni inflazionistiche si stanno attenuando nelle principali economie.
  3. IPC svizzero (inflazione): come previsto, il tasso è stato molto basso.
  4. IPC Flash spagnolo (inflazione): si è rivelato notevolmente inferiore al previsto, dando ulteriore credito all’idea che le pressioni inflazionistiche si stanno attenuando nelle principali economie.
  5. PMI manifatturiero cinese: leggermente inferiore al previsto.
  6. PIL canadese – leggermente inferiore alle attese, a zero.
  7. PMI servizi ISM statunitense – inferiore alle attese, che dà più peso al fatto che l’economia statunitense si sta raffreddando.
  8. Indice del costo dell’occupazione negli Stati Uniti – più o meno come previsto.
  9. Fiducia dei consumatori della CB statunitense – leggermente superiore al previsto.
  10. PMI manifatturiero ISM statunitense – inferiore alle attese.
  11. Richieste di disoccupazione negli Stati Uniti – più o meno come previsto.
  12. Disoccupazione canadese: è stata peggiore del previsto, con un tasso in aumento al 5,7%.
  13. Tasso di disoccupazione della Nuova Zelanda – come previsto.

La settimana a venire: 6 Novembre  –  10 Novembre

È probabile che la prossima settimana nei mercati vedrà un livello di  volatilità simile o  inferiore rispetto alla settimana scorsa, poiché ci sarà una quantità molto minore di importanti rilasci di dati economici, con l’evento principale che sarà la riunione politica (Cash Rate e Rate Statement ) presso la Reserve Bank of Australia. I dati chiave rilasciati questa settimana sono, in ordine di importanza:

  1. Tasso di cassa RBA e rendiconto del tasso
  2. PIL del Regno Unito
  3. Conferenza stampa del governatore della Banca del Giappone
  4. Aspettative di inflazione in Nuova Zelanda
  5. Dati cinesi CPI (inflazione).
  6. Sentimento dei consumatori UoM preliminare negli Stati Uniti
  7. Richieste di disoccupazione negli Stati Uniti

Credit by DailyForex.com

Calcolatore Lotto Commerciale

Calcolatore Leva e Margine

Calcolatore Drawdown

Calcolatore Interesse Composto

Calcolatore Valore Pips in Euro

Calendario Economico