Portafoglio Invest

Gain: 

Portafoglio Pulse

Gain: 

REA Learn Copy

Gain: 

Aiuto:

Strumenti Rapidi

Weekly Forecast: La settimana che ci attende: 17 – 21 Luglio

Weekly Forecast: La settimana che ci attende: 17 – 21 Luglio

I mercati sono rimasti colpiti dal calo dell’inflazione statunitense della scorsa settimana più forte del previsto, innescando una svendita del dollaro USA e l’acquisto di attività rischiose come azioni e alcune materie prime e valute mentre le prospettive sugli aumenti dei tassi ora diventano più docive.

È molto probabile che la differenza tra successo e fallimento nel trading Forex / CFD dipenda principalmente da quali attività scegli di negoziare ogni settimana e in quale direzione, e non dai metodi esatti che potresti utilizzare per determinare le voci e le uscite commerciali.
Quindi, quando si inizia la settimana, è una buona idea guardare il quadro generale di ciò che si sta sviluppando nel mercato nel suo complesso, e come tali sviluppi sono influenzati dai fondamentali macro, dai fattori tecnici e dal sentimento del mercato. Ci sono diverse forti tendenze a lungo termine sul mercato in questo momento, che potrebbero essere sfruttate con profitto.

  1. Il sentimento del mercato è completamente dominato dai dati dell’IPC (inflazione) degli Stati Uniti inferiori al previsto, che sono stati rilasciati la scorsa settimana, mostrando un calo del tasso annualizzato dal 4,0% al 3%, al di sotto del 3,1% previsto. La variazione mensile è stata un aumento dello 0,2%, inferiore allo 0,3% previsto.
    Anche se la Federal Reserve degli Stati Uniti dovrebbe ancora aumentare i tassi dello 0,25% alla sua prossima riunione, il consenso per questo si è abbassato e c’è più aspettativa che il prossimo aumento raggiungerà il tasso terminale entro l’attuale ciclo di serraggio. Ciò si è riflesso in una caduta post-release del rendimento del tesoro di 2 anni.
    I dati hanno immediatamente innescato una forte svendita del dollaro USA, che era già in calo in linea con una tendenza ribassista a lungo termine in via di sviluppo e forti aumenti nei mercati azionari e in alcune materie prime. Il sentimento di rischio è migliorato considerevolmente e i mercati sono indiscutibilmente in modalità risk-on, che di solito è una buona opportunità per fare soldi.
    I dati sulla bassa inflazione sono stati rafforzati dai dati PPI statunitensi inferiori al previsto rilasciati nel corso della settimana, che hanno visto solo un aumento mese su mese dello 0,1%, dove si prevedeva un aumento dello 0,2%.
    Le altre voci principali sono state l’aumento del tasso dello 0,25% da parte della Banca del Canada, che ha rafforzato il dollaro canadese anche se era previsto, e il passaggio di un aumento da parte della Reserve Bank of New Zealand, che era anche previsto.
    È probabile che i mercati inizino questa settimana nella stessa condizione di rischio che ha prevalso alla fine della scorsa settimana.
    Gli altri comunicati di dati chiave della scorsa settimana sono stati:
    PIL del Regno Unito – questo è arrivato più alto del previsto, mostrando un calo mese su mese dello 0,1% quando era previsto un calo dello 0,3%, che potrebbe aver aiutato la sterlina a rafforzarsi.
  2. Sentiment preliminare dei consumatori UoM degli Stati Uniti – questo è arrivato più in alto del previsto, suggerendo un’economia statunitense ancora robusta.
  3. Richieste di disoccupazione nel Regno Unito (Claimant Count Change) – questo è arrivato molto leggermente più alto del previsto.

 

La settimana a venire: 17 luglio – 21 luglio

È probabile che la prossima settimana sui mercati veda un livello di volatilità leggermente inferiore rispetto alla scorsa settimana, poiché ci saranno meno rilasci di dati chiave previsti. I principali rilasci di dati di questa settimana sono, in ordine di importanza:

  1. PIL cinese e produzione industriale
  2. Vendite al dettaglio negli Stati Uniti
  3. CPI canadese (inflazione)
  4. CPI del Regno Unito (inflazione)
  5. Indice manifatturiero dello Stato dell’Impero degli Stati Uniti
  6. Verbale della riunione sulla politica monetaria della Reserve Bank of Australia
  7. CPI della Nuova Zelanda (inflazione)
  8. Richieste di disoccupazione negli Stati Uniti
  9. Tasso di disoccupazione australiano

 

Lunedì sarà un giorno festivo in Giappone.

 

Credit by DailyForex.com

Calcolatore Lotto Commerciale

Calcolatore Leva e Margine

Calcolatore Drawdown

Calcolatore Interesse Composto

Calcolatore Valore Pips in Euro

Calendario Economico