Portafoglio Invest

Gain:

Portafoglio Pulse

Gain:

REA Learn Copy

Gain:

Aiuto:

Strumenti Rapidi

Weekly Forecast: La settimana che ci attende: 11 – 15 Settembre

Weekly Forecast: La settimana che ci attende: 11 – 15 Settembre

È molto probabile che la differenza tra successo e fallimento nel trading Forex/CFD dipenda principalmente da quali asset scegli di negoziare ogni settimana e in quale direzione, e non dai metodi esatti che potresti utilizzare per determinare le entrate e le uscite delle negoziazioni.

Pertanto, all’inizio della settimana, è una buona idea guardare al quadro generale di ciò che si sta sviluppando nel mercato nel suo insieme e di come tali sviluppi siano influenzati dai fondamentali macro , dai fattori tecnici e dal sentiment del mercato.

Nell’ultima settimana, il sentimento del mercato nei confronti degli Stati Uniti ha cominciato a vacillare. Il sentiment era positivo una settimana fa, quando i dati sembravano mostrare che l’economia americana si stava raffreddando, eliminando la necessità di ulteriori aumenti dei tassi da parte della Fed. Tuttavia, ora c’è la sensazione crescente, supportata dagli ultimi dati economici statunitensi, che l’economia americana non si stia raffreddando a sufficienza e che i dati CPI (inflazione) previsti questa settimana mostreranno una continuazione piuttosto che una riduzione della pressione inflazionistica. . Ciò potrebbe rendere più probabile che, anche se la Fed non alzasse i tassi nella riunione di fine mese, potrebbe farlo nella successiva riunione di novembre.

I mercati attenderanno con impazienza la pubblicazione dei dati CPI (inflazione) statunitense questa settimana e l’incontro politico presso la Banca Centrale Europea. Si prevede che su base annua l’inflazione salirà nuovamente dal 3,2% al 3,6%, mentre la BCE dovrebbe mantenere il tasso di interesse invariato al 4,25%.

La scorsa settimana sono stati rilasciati pochi dati di grande importanza per il mercato Forex e, di conseguenza, la volatilità direzionale nel mercato è stata molto bassa.

Gli eventi principali della scorsa settimana sono stati i comunicati politici da parte della Banca del Canada e della Reserve Bank of Australia. Entrambe le banche hanno lasciato i tassi invariati, come previsto, ma la retorica della Banca del Canada è stata un po’ più aggressiva del previsto. Tuttavia, nel complesso, le misure adottate hanno avuto scarso effetto sulle rispettive valute.  

La scorsa settimana il dollaro USA ha continuato a mostrarsi forte e diverse materie prime sono aumentate, in particolare il petrolio greggio WTI, che ha raggiunto un nuovo massimo plurimese.

Gli altri dati chiave rilasciati la scorsa settimana sono stati:

  1. PIL australiano: ha soddisfatto le aspettative.
  2. Richieste di disoccupazione negli Stati Uniti – leggermente migliori del previsto.
  3. PMI servizi ISM USA: leggermente migliore del previsto.
  4. Tasso di disoccupazione canadese: leggermente migliore del previsto.
  5. IPC cinese (inflazione): leggermente migliore del previsto.

La settimana a venire: 11 settembre  15 settembre

La prossima settimana vedrà probabilmente sui mercati un livello di volatilità considerevolmente più elevato rispetto alla scorsa settimana, poiché assisteremo alla fine della stagione estiva e al ritorno a un mercato con volumi più elevati. I dati chiave rilasciati questa settimana sono, in ordine di importanza:

  1. IPC statunitense (inflazione)
  2. PPI statunitense
  3. Vendite al dettaglio negli Stati Uniti
  4. Sentimento dei consumatori UoM preliminare negli Stati Uniti
  5. Tasso di rifinanziamento principale della Banca Centrale Europea e rendiconto del tasso
  6. Richieste di disoccupazione negli Stati Uniti
  7. Produzione industriale cinese
  8. Indice manifatturiero dell’Empire State americano
  9. PIL del Regno Unito
  10. Modifica del conteggio dei richiedenti nel Regno Unito
  11. Disoccupazione australiana

Credit by DailyForex.com

Calcolatore Lotto Commerciale

Calcolatore Leva e Margine

Calcolatore Drawdown

Calcolatore Interesse Composto

Calcolatore Valore Pips in Euro

Calendario Economico